Mano dello sportivo

Sia la mano che il polso sono frequentemente interessati in molti sport con conseguenti lesioni tipiche come fratture articolari, lesioni tendinee, distorsioni e lussazioni con lesioni dei legamenti (cliccare nelle voci specifiche).
Negli sportivi professionisti come sempre di più anche in pazienti comuni, la richiesta di un rapido ritorno alle attività agonistiche impone scelte chirurgiche diversificate e possibilmente soluzioni di chirurgia miniinvasiva.

Anche la riabilitazione degli atleti comporta tempi di recupero più veloci con sedute più frequenti e terapisti dedicati.

In particolare al pollice (sci, pallanuoto, calcio, basket…) si osserva la lesione in vari gradi del legamento collaterale -sempre da riparare quello interno- oltre a lesioni capsulari, con piccoli distacchi ossei.
Nei pugili sono frequenti le fratture e le lussazioni della base del metacarpo.
Nel basket è frequente la rottura sottocutanea dei tendini estensori, alla loro inserzione, correggibile con l’uso di tutori specifici, nei portieri di calcio, nei ciclisti sono frequenti le fratture dello scafoide , evento molto grave che comporta una chirurgia specialistica (sintesi interna per cutanea con viti autofilettate e senza testa).

In ogni caso negli sportivi le procedure sono specifiche per ogni sport e variabili per le circostanze richieste in quel caso.

Vari esempi di lesioni traumatiche in sportivi professionisti:

lesioni legamentose delle dita

lesioni capsulari e tendinee

fratture delle falangi

lesione della fibrocartilagine triangolare del polso

lussazioni – fratture carpometacarpiche

  MAIN

indietro